Slide background

La Rocca Abbaziale dei Borgia

Slide background

Il Monastero di Santa Scolastica

Slide background

Il Ponte Medievale di San Francesco

  • nello_appodia_w

    Un sublacense a Cinecittà – Nello Appodia

    Nello Appodia (Subiaco, 30 luglio 1926 – Roma, 7 maggio 2004) è stato un attore italiano. Secondo di tre figli (due sorelle entrambe viventi e una tutt’ora a Subiaco) di Minicucciu Persecò e Cariddonia Capitani nato nel rione Murittu/Mbrestecata si trasferisce a Roma dopo il servizio militare e apre una sartoria nel quartiere Prati.
  • Ora et Labora

    Biblioteca Nazionale di S. Scolastica

    La biblioteca deve la sua origine a San Benedetto, fondatore dei primi monasteri sublacensi e loro guida per quasi trent’anni. La Regola del santo Fondatore prevede infatti che in monastero ci siano dei libri (codici) per la lettura privata e quella comunitaria.
  • lollobigida-matterella-2016

    David speciali alla Lollobrigida e ai Taviani

    “Il cinema fa pensare”, e perciò è necessario. Così il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel tradizionale saluto al cinema italiano ospitato al Palazzo del Quirinale a poche ore dall’attesa cerimonia dei David di Donatello all’importante traguardo dei 60 anni. “Auguri al cinema italiano che li merita –ha esordito il Presidente Mattarella -. Il cinema […]
  • Tradizioni - Ju Responsorio

    Tradizioni Religiose – Ju Dispensorio

    Si tratta di una pratica pseudo-religiosa, di cui non resta che il ricordo lontano e sbiadito nelle persone avanti negli anni, è quella che va sotto il nome di “dispensorio”. Il termine dialettale sublacense traduce dalla lingua italiana: responsorio, forma liturgica salmodica.

Mangiar Bene

  • Tradizioni Alimentari

    Tradizioni Alimentari – La Polenta

    La polenta sublacense contrariamente a quella del nord Italia è sottile, morbida e irrorata di sugo rosso con pezzetti di carne, solitamente spuntature di maiale.
  • Aniene

    L’Aniene

    Il fiume Aniene in latino Anio, prese il nome secondo la leggenda da Anio, re della Toscana, che volendo perseguitare Cetego, rapitore di sua figlia, nel passare questo fiume vi restò sommerso.

59908